14 Dicembre 2014

Group Show | 14|14 Modernity First Century - Milano

Contemporary art group show curated by Georgeos Vogiatzakis at Plasma, Plastic Modern Art, Milano.

“Lodo l'ODOL, lO DOLce licor
che lO DOLor del dente
scaccia di sovente.
Io lO DO La sera
e la mattina in acqua
per il dente miO DOLente.
Mimì, Rodolfi tutti
che avete denti brutti
adoperate l'ODOL,
e a mODO Li terrete.
O DOLlari piovete!!!”

Giacomo Puccini, Lode all’Odol

Nel 1910 Puccini compose un’ode-slogan per promuovere il primo dentifricio al fluoro Odol, lussuoso prodotto tedesco per la cura dei denti.
Un secolo dopo, in occasione di 14||14, Francesca Belgiojoso propone una serie di collage che riflettono sulla comunicazione pubblicitaria di questo prodotto, un tempo considerato di lusso e oggi divenuto di massa. L’artista preleva il dentifricio dall’uso commerciale cui era dedicato nel secolo scorso per ritrasporlo in un’atmosfera raffinata che lo trasforma in icona di bellezza.

Francesca Belgiojoso conduce una ricerca sull'uso dell’immagine attraverso la tecnica del collage: assemblando frammenti che acquisiscono un nuovo significato vuole restituire una sintesi tra passato e presente, svelando un intreccio di storie vissute. Nella serie Odol il prodotto acquisisce un nuovo senso grazie al nuovo contesto: assume l’importanza di uno status symbol che trasforma la donna che ne fa uso in una nuova dea, circondata da gioielli e diamanti, metafore della bellezza.

Il punto di contatto tra la quotidianità di ieri e di oggi è una memoria universale che affiora con maggior evidenza in quelle opere in cui sono gli abiti, gli oggetti, i prodotti di bellezza, come Odol, gli slogan, la moda a farsi portatori di un'epoca passata, cui restituisce attualità. Sono opere leggere come la carta che le compone, in cui si è distaccati dalla malinconia di un tempo ormai trascorso attraverso un gioco ironico che integra il presente al nostro ieri.

L’artista fa emergere una nuova narrazione dalla trama di pieni e di vuoti ricavati ritagliando la carta dall’accostamento di vecchio e nuovo. I protagonisti di vecchi giornali, riviste e fotografie di famiglia rivivono in nuove scenografie sconvolgendo le norme della visione: la prospettiva e la verosimiglianza sono accantonate per favorire una composizione libera che rispecchi il flusso del pensiero, delle metafore, del sogno, e in questo caso della bellezza."

Elisa Fusi

Download Catalogue
On L'Officiel - On Vogue Italia

Images